Elenco completo dei paesi con VPN vietate (versione aggiornata)

In alcuni paesi, ti guardiamo Cina, Corea del Nord e altri, la libertà di accedere a TUTTA Internet non è mai diventata una cosa.


Sebbene Internet sia considerata una piattaforma aperta e internazionale, è importante ricordare che i singoli paesi e territori possono farlo mettere le proprie leggi in atto per quanto riguarda il funzionamento del web per i loro residenti.

Molti paesi impongono restrizioni ai provider di servizi Internet (ISP) per controllare il tipo di contenuto bloccato tramite i browser Web. Ad esempio, un governo potrebbe scegliere di vietare determinati siti di condivisione di file o mercati online.

Il modo più semplice per aggirare questi tipi di restrizioni è con l'uso di una rete privata virtuale (VPN). Con un Client VPN impostato sul tuo computer o dispositivo mobile, ti connetti ancora a Internet tramite il tuo ISP o provider di telefonia cellulare locale, ma tutto il tuo traffico viene immediatamente indirizzato a un server di terze parti.

La sessione è completamente protetta e crittografata e il tuo indirizzo IP principale diventa mascherato a tutti i siti Web esterni.

Elenco completo dei paesi con VPN vietate (versione aggiornata)

Con una connessione VPN, puoi effettivamente controllare in quale regione si trova il tuo indirizzo IP, a seconda delle opzioni offerte dal tuo fornitore di servizi. Ad esempio, se il tuo host VPN ha server configurati negli Stati Uniti, in Canada o in Australia, puoi scegliere di connetterti a uno di questi punti di accesso e ricevi a indirizzo IP localizzato. Molti utenti VPN sfruttano questa opzione per connettersi ai servizi di streaming video o ad altre applicazioni e siti Web non consentiti nel proprio paese.

Certo, ci sono ancora modi per un governo di farlo controllare l'utilizzo di Internet, anche con così tanti servizi VPN oggi sul mercato. Possono collaborare con gli ISP per bloccare le home page VPN o limitare completamente le connessioni VPN. Continua a leggere per scoprire quali tipi di restrizioni vengono applicate da diversi paesi. L'elenco seguente è riportato in ordine di velocità Internet più veloce in tutto il mondo.

Corea del Sud

bandiera della Corea del sudIl governo sudcoreano non limita Utilizzo della VPN per i suoi cittadini. Tuttavia, partecipa alla censura di Internet, poiché blocca molti siti Web relativi alla Corea del Nord o alla pornografia.

Norvegia

bandiera della NorvegiaIn Norvegia ci sono nessun blocco posizionato su siti Web o client VPN. Si ritiene che il Paese abbia una politica Internet molto aperta, sebbene le recenti sentenze abbiano portato il governo norvegese a bloccare alcuni dei principali siti Web di condivisione di file e torrenting, tra cui The Pirate Bay.

Svezia

Bandiera della SveziaI residenti in Svezia hanno pieno accesso al World Wide Web e possono connettersi a qualsiasi servizio VPN. La costituzione del paese sostiene la libertà di parola e di stampa e, di conseguenza, c'è poca o nessuna censura su Internet all'interno della Svezia.

Hong Kong

Bandiera di Hong KongNonostante si trovi geograficamente all'interno della Cina, dove l'uso di Internet è altamente monitorato e censurato, i cittadini di Hong Kong hanno libero accesso al web aperto. Gli ISP di Hong Kong non limitano l'utilizzo della VPN, indipendentemente da dove si trova il server host.

Svizzera

Bandiera svizzeraSebbene le VPN non siano bloccate in Svizzera, il Paese ha aggiunto di più e più restrizioni di Internet in anni recenti. La corte suprema federale emette sentenze caso per caso. In particolare, il paese si è represso nei siti Web di gioco d'azzardo.

Finlandia

Bandiera della FinlandiaL'uso dei servizi VPN è completamente legale per i cittadini finlandesi. Tuttavia, il governo ha impiegato alcuni sistemi di filtraggio forzare gli ISP a bloccare i siti Web incentrati sulla condivisione di file o sul gioco d'azzardo online.

Singapore

Bandiera di singaporeSi ritiene che Singapore abbia un approccio relativamente restrittivo alla censura di Internet, ma gli strumenti VPN non sono bloccati per i suoi cittadini. Siti di torrent come The Pirate Bay sono stati bloccati a Singapore e diversi casi di commenti razzisti online hanno portato a casi penali.

Giappone

bandiera del GiapponeI cittadini giapponesi hanno pieno accesso al Web e possono usufruire di qualsiasi servizio di hosting VPN. Questo grazie alle sue leggi per libertà di parola e stampa. Alcuni ISP in Giappone hanno istituito politiche per filtrare i contenuti inappropriati ai propri clienti.

Regno Unito

Bandiera del Regno UnitoLe VPN sono legali da utilizzare nel Regno Unito, ma ciò non significa che siano così anonime come potresti pensare. Il Regno Unito ha una legge chiamata Legge sui poteri investigativi, che richiede agli ISP di conservare i dati dei clienti e renderli disponibili nei casi in cui è richiesta la sorveglianza nazionale. Le società VPN che gestiscono i loro server nel Regno Unito sono legate a questa politica, sebbene i cittadini possano ancora connettersi agli host di altri paesi.

In passato, il governo del Regno Unito ha accesso online bloccato ai servizi di condivisione di file in cui è noto che siano ospitati contenuti piratati. Inoltre, alcuni dei più grandi ISP del Regno Unito trasmettono tutto il loro traffico attraverso filtri che bloccano i siti Web illegali e visualizzano un errore del browser Web quando un utente tenta di accedervi.

stati Uniti

Bandiera degli Stati UnitiI client VPN sono completamente legali negli Stati Uniti d'America. Alcune normative Internet possono essere effettivamente controllate dai singoli stati, ma nel complesso gli Stati Uniti hanno mantenuto un approccio aperto alla censura di Internet.

Detto questo, gli Stati Uniti sono stati recentemente etichettati come nemico di internet da alcuni gruppi internazionali. Ciò è dovuto in gran parte alla storia del paese in sorveglianza online sui suoi cittadini. Inoltre, l'ultima decisione del governo di abrogare il legislazione sulla neutralità della rete potrebbe far sì che gli ISP guadagnino più potere per limitare l'accesso ai propri clienti.

Olanda

bandiera olandeseI Paesi Bassi hanno un approccio molto aperto all'utilizzo di Internet e non pone alcun blocco o restrizione sull'utilizzo della VPN. In passato la corte suprema del paese ha ordinato ai più grandi ISP di bloccare alcuni strumenti di condivisione di file come The Pirate Bay, ma la neutralità della rete rimane ancora l'obiettivo nei Paesi Bassi.

Romania

Bandiera della romaniaLa Romania ha nessuna cronologia di mai limitare l'uso dei servizi VPN. I suoi cittadini hanno pieno accesso a Internet aperto, si aspettano in rari casi di siti Web di gioco d'azzardo che sono stati filtrati dal governo.

Repubblica Ceca

Bandiera della Repubblica CecaSi ritiene che abbiano residenti nella Repubblica ceca completa libertà quando si tratta della navigazione in Internet, incluso l'uso di host VPN in altre regioni. I singoli ISP nella Repubblica ceca possono prendere in considerazione il filtraggio di siti Web specifici se i loro clienti presentano reclami.

Emirati Arabi Uniti

Bandiera degli Emirati Arabi UnitiGli Emirati Arabi Uniti hanno scritto leggi specifiche su come i cittadini possono utilizzare i servizi VPN. Sebbene le VPN non siano completamente bloccate, qualsiasi attività svolta attraverso una VPN ritenuta illegale comporterà una penalità di tempo di prigione e una grande multa.

Danimarca

Bandiera della DanimarcaIl governo danese ha non ha mai fatto alcun tentativo di bloccare le connessioni VPN originario dei suoi confini. Quando si tratta di filtraggio di Internet, esistono alcune restrizioni al sistema DNS (Domain Name System), principalmente per quanto riguarda i siti Web di droga e gli strumenti di condivisione dei file.

Taiwan

Bandiera di TaiwanTaiwan offre ai suoi cittadini pieno accesso al Internet senza censure, inclusa la possibilità di utilizzare VPN per mascherare gli indirizzi IP. Gli ISP di Taiwan non monitorano il traffico dei clienti né bloccano i servizi di condivisione dei file.

Lettonia

Bandiera LettoniaLa costituzione lettone include i diritti alla libertà di stampa e alla libertà di parola. Di conseguenza, le restrizioni su Internet sono minime in Lettonia e le VPN possono essere utilizzate liberamente. Il governo non esegue alcuna sorveglianza sull'uso di dati e-mail da parte dei propri cittadini.

Belgio

Bandiera del BelgioIl governo belga non ha una storia di restrizioni sull'uso dei client VPN. Tuttavia, nel Paese sono in vigore alcune leggi che richiedono agli ISP di farlo filtrare contenuto Web ritenuto immorale o illegale. Ciò ha incluso siti Web di gioco d'azzardo e applicazioni di condivisione file.

Canada

Bandiera del CanadaSebbene si sia ipotizzato che i maggiori ISP in Canada possano fare uno sforzo per limitare l'utilizzo della VPN, ciò non è accaduto fino ad oggi. Il governo ha un'organizzazione che lavora per contrassegnare siti Web illegali, ma al di fuori di quel filtro, hanno cittadini canadesi pieno accesso a Internet.

Tailandia

Bandiera della ThailandiaI servizi VPN sono disponibili in Tailandia senza alcuna limitazione. Tuttavia, il paese è considerato molto politica di censura restrittiva, che è aumentato negli ultimi anni. Gran parte del filtraggio che si verifica all'interno della Thailandia è legato alla politica. Il governo può bloccare qualsiasi sito Web ritenuto offensivo o poco lusinghiero per il re.

Irlanda

Bandiera dell'IrlandaI cittadini irlandesi non dovrebbero riscontrare problemi quando utilizzano un client VPN per accedere a reti sicure e mascherare il loro indirizzo IP. Il paese ha restrizioni minime alla navigazione web, a parte alcuni siti Web di condivisione file attualmente bloccati dal governo.

Bielorussia

Bandiera della BielorussiaIl paese della Bielorussia è stato precedentemente etichettato come un nemico di internet e il suo governo ha preso provvedimenti per limitare l'utilizzo della VPN da parte dei suoi cittadini. Il governo possiede l'ISP primario e mantiene uno stretto controllo su come utilizzare Internet. Di recente, i siti web VPN sono stati raggruppati insieme ai clienti torrent dalle autorità bielorusse. I cittadini possono essere puniti per l'utilizzo di client VPN o per aver tentato di accedere a determinati siti Web stranieri.

Iraq

Bandiera dell'IraqIn Iraq, i provider VPN sono generalmente vietati. Ciò significa che qualsiasi tentativo di accedere alla homepage di un provider VPN o qualsiasi tentativo di avviare una connessione client VPN verrà interrotto dall'ISP. Se riesci a trovare un servizio VPN che elude le restrizioni, tieni presente che la tua attività verrà monitorata e potresti esserlo perseguito per l'utilizzo di una VPN.

Mi sono imbattuto

Bandiera dell'IranIl governo iraniano ha una legislazione rigorosa quando si tratta di come utilizzare le VPN. Non sono tecnicamente illegali, ma i cittadini lo sono autorizzato solo a registrarsi per servizi VPN precedentemente approvati dal governo. In molti modi ciò vanifica lo scopo di una VPN, poiché le opzioni approvate dal governo probabilmente bloccheranno gran parte dello stesso contenuto dei normali ISP.

L'Iran è stato etichettato come nemico di Internet, principalmente a causa delle sue leggi di filtraggio che bloccano determinati contenuti politici e religiosi da tutti i cittadini. Anche molti social network sono bloccati interamente in Iran.

Cina

Bandiera della CinaLa Cina lo è noto per limitare l'uso di Internet dei suoi cittadini. Il firewall che il governo ha messo in atto blocca molti dei siti Web più popolari ospitati negli Stati Uniti. Quando si tratta di VPN, la Cina spesso blocca la homepage principale dei provider VPN. Ciò renderà difficile per i cittadini scaricare il client VPN associato, anche se potrebbe non bloccare del tutto le connessioni in uscita.

Per quanto riguarda i dispositivi mobili, alcune app VPN sono state rimosse forzatamente dagli app store cinesi per iOS e Android. Il governo cinese blocca anche molti siti Web relativi ad attività politiche controverse o eventi storici.

Corea del nord

Bandiera della Corea del NordNé sorprendentemente, la Corea del Nord ha alcuni dei norme Internet più severe in tutto il mondo. Non si sa molto su come vengano applicate esattamente le loro leggi, ma è lecito ritenere che le VPN esterne ospitate in altri paesi non siano consentite. Tutti i siti Web in Corea del Nord sono gestiti dal governo e non vi è alcun accesso al Web più ampio.

Oman

Bandiera dell'OmanIn passato, il governo dell'Oman ha bloccato molti dei principali provider VPN che ospitano i loro servizi in paesi esterni. Il governo filtra qualsiasi contenuto Web che ritiene immorale, e questo include VPN e altri strumenti progettati per rendere anonimi gli indirizzi IP.

tacchino

Bandiera della TurchiaI cittadini della Turchia hanno accesso limitato al world wide web, poiché il governo ha adottato misure per controllare i tipi di contenuti consentiti attraverso il suo filtro. Molti dei servizi VPN più popolari sono bloccati in Turchia e ai residenti non è consentito reindirizzare il proprio traffico web attraverso server stranieri.

Anche i social media sono fortemente regolamentati in Turchia, con diverse piattaforme completamente vietate. In passato, i cittadini sono stati puniti per i commenti fatti su un social network.

Russia

Bandiera della RussiaIn questo momento, la politica del governo russo sulle VPN è quella di bloccare le home page dei singoli fornitori di servizi. Il traffico VPN effettivo con indirizzi IP mascherati non viene bloccato, quindi i cittadini russi devono semplicemente trovare un metodo per ottenere uno strumento VPN sicuro. Il Paese gestisce una vasta lista nera di altri siti Web bloccati, incluso qualsiasi contenuto che il governo considera illegale.

David Gewirtz
David Gewirtz Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me